Le armi sono cattive?

Lo sapevi che su questo dannato pianeta ci sono più armi che esseri umani?

Ecco, questo è un buon  punto di partenza per iniziare la nostra discussione. In Europa, e ancor più in Italia, le armi da fuoco sono viste come qualcosa di così cattivo da dover essere tenuto nascosto.

La maggior parte delle persone vede nell'arma da fuoco uno strumento di morte, qualcosa di cattivo. Ma è davvero così?

"Non mi piace chi possiede un'arma perché se gli prende il matto poi fa una strage", come se il possessore medio di una pistola avesse un costante prurito all'indice della mano dominante e fosse capace di soddisfarlo solo sfregandolo contro il grilletto della sua Glock 17.

Di tutta risposta allora possiamo affermare che non ci piace chi guida un'auto, perché se gli prende il matto sale su un marciapiede e fa una strage. O allo stesso modo non ci piacciono i cuochi, perché per lo stesso principio possono prendere un coltello dalla cucina e seccare i quattro poveri cristiani che trovano in sala da pranzo.

Le armi da fuoco sono viste come un tabù perché non si conoscono, e soprattutto perché si fatica a far luce sul concetto più importante: l'arma è solo un oggetto (che è opportuno saper maneggiare con rispetto), il vero pericolo sono gli esseri umani.

 

 Articolo di Jacopo Marzotto, CEO

1 commento

  • …. e poi i rossi di capelli sono tremendi !!! Fine

    Stefano

Lascia un commento